Mascherine chirurgiche: dove si comprano offline e perché acquistarle online potrebbe essere un’ottima idea

mascherine chirurgiche dove si comprano

L’inizio della fase 2 ha portato anche al raggiungimento dell’accordo tra Confcommercio, Federdistribuzione e Conad con Domenico Arcuri, eletto commissario straordinario per fronteggiare l’emergenza Covid-19 nelle strutture ospedaliere.

Secondo l’accordo, a partire dal 4 maggio, primo giorno della nuova fase, è possibile trovare le mascherine chirurgiche al prezzo politico di 0,50 centesimi di euro presso farmacie e punti vendita della grande distribuzione. Una decisione importante, alla quale si è giunti dopo le numerose polemiche e gli scandali che, negli ultimi mesi, hanno riguardato i costi troppo elevati che aziende produttrici e distributori avevano fissato per i dispositivi.

In questo articolo, rispondiamo quindi a chi si chiede dove si comprano le mascherine chirurgiche, ormai divenute obbligatorie.

Mascherine chirurgiche, dove si comprano

Sembra passato un secolo, ma in realtà sono solo pochi giorni. Se fino a un paio di settimane fa regnava la più totale confusione sulle mascherine chirurgiche, dove si comprano, quanto costano e come si utilizzano, oggi, finalmente, abbiamo alcune certezze in più.

Con il nuovo accordo stabilito all’inizio della fase 2, sappiamo che le mascherine chirurgiche si possono acquistare in diversi punti vendita delle nostre città. Non solo: ai negozi fisici si accompagnano anche tantissime possibilità di acquistare le mascherine online. E spesso, questa è la modalità più pratica di comprare i preziosi dispositivi. Vediamo perché.

Leggi anche: Mascherine chirurgiche monouso: numero di strati e materiali di quelle certificate CE

Mascherine chirurgiche, dove si comprano

Mascherine chirurgiche, dove si comprano offline

Obiettivo dell’accordo sulla vendita delle mascherine è quello di fare in modo che i dispositivi, il cui utilizzo è ormai divenuto obbligatorio nella maggior parte delle situazioni di tutti i giorni, siano immediatamente disponibili e reperibili con più facilità dalla popolazione. Questo, soprattutto per scongiurare il sopraggiungere di una seconda ondata della pandemia, come temono gli scienziati.

Al momento, quindi, le mascherine chirurgiche sono vendute in 100.000 punti vendita in tutta Italia, suddivisi tra farmacie e parafarmacie, supermercati e tabaccai.

Come accennato, l’altra novità, assieme alla distribuzione massiccia, è il prezzo equo che è stato stabilito e che è dovuto al taglio dell’Iva. Il costo delle mascherine adesso è di 0,50 centesimi l’una. Anche questo, ovviamente, rientra nell’ottica di garantire ai cittadini un diritto essenziale come quello della salute.

Se le cose stessero davvero così sarebbe perfetto. In realtà, a pochi giorni dall’inizio della fase 2 e dall’introduzione di queste novità, le cose non stanno proprio così. A detta dei consumatori, infatti, sembra che in diversi punti vendita “offline” le mascherine chirurgiche siano già esaurite.

Il problema della scarsa reperibilità sembra dunque riproporsi, come avvenuto già nelle scorse settimane. 

Cosa succede se non indosso la mascherina?

La scarsa disponibilità di mascherine, e quindi l’impossibilità di rifornirsi tutte le volte che occorre, è in primo luogo una questione di salute e di responsabilità verso gli altri. In secondo luogo, però, bisogna ricordarsi che, a partire dal 4 maggio, il Governo ha stabilito l’obbligatorietà delle mascherine chirurgiche in tantissime situazioni. Ad esempio, bisogna indossarle quando si va a fare la spesa, o quando si prendono i mezzi pubblici. E, in generale, in tutti quei contesti in cui è difficile mantenere la giusta distanza tra le persone.

E cosa succede se in uno di questi contesti la mascherina non viene indossata? Semplice, i trasgressori possono andare incontro a sanzioni che partono da diverse centinaia di euro ad alcune migliaia. Negli ultimi mesi, abbiamo letto di episodi di questo tipo in tutta Italia.

Un motivo in più per cui diventa davvero necessario non solo sapere dove si comprano le mascherine chirurgiche ma anche avere la certezza di trovarle.

Perché acquistare online le mascherine chirurgiche

Ora più che mai è quindi indispensabile avere sempre in casa la propria fornitura di mascherine chirurgiche pronte all’uso. Se in farmacia o al supermercato è difficile trovarle, è possibile rivolgersi ai canali di vendita specializzati che si trovano nel web.

Comprare online le mascherine chirurgiche ha numerosi vantaggi

Intanto, su un portale specializzato è possibile fare la propria scelta con calma, osservando i vari modelli di dispositivi disponibili, confrontandone le caratteristiche e il funzionamento e individuando così quelli più adatti alle proprie esigenze. Inoltre, di solito, nei negozi online il numero dei pezzi disponibili è più alto rispetto a un classico punto vendita offline.

Un altro vantaggio indiscutibile è il fatto di poter comprare le proprie mascherine chirurgiche comodamente da casa senza dover fare file interminabili in farmacia o alla cassa del supermercato (rischiando, oltretutto, di trovarsi a poca distanza da altre persone).

Perché acquistare online le mascherine chirurgiche

Infine, acquistare online le mascherine chirurgiche vuol dire conoscere sin da subito la data di arrivo a casa dei prodotti e significa anche poter contare su un servizio di consegna puntuale e preciso.

Negozi online e portali specializzati rappresentano quindi la risposta ideale per chi si chiede dove si comprano le mascherine chirurgiche e non riesce a trovarle facilmente in farmacia. In questo modo, oltre a semplificarsi notevolmente la vita, si può affrontare la fase 2 con maggiore serenità avendo i propri dispositivi di protezione sempre a portata di mano. 

Leggi anche: Mascherine con filtro: quando e perché potresti farne a meno