Che mascherina usare per coronavirus? Queste quelle certificate.

Che mascherina usare per coronavirus nel 2020

Ti stai chiedendo che mascherina usare per il coronavirus? Qui le risposte nei prodotti certificati.

La pandemia del Covid-19 ci ha portato a rivoluzionare la vita di tutti i giorni, e a dover adottare misure preventive anti-contagio, tra cui l’utilizzo della mascherina.

A questo proposito, la vasta scelta di protezioni in commercio può far nascere diversi dubbi, ma i più frequenti sono questi:

<< Che mascherina usare per il coronavirus? Come capire se una mascherina antivirus è certificata o no? >>

In questo articolo vogliamo chiarire questi punti cruciali, in modo tale che ti possa proteggere adeguatamente e con la totale sicurezza.

Che mascherina usare per il coronavirus oggi

Mascherine filtranti: ecco in che modo ci proteggono dal coronavirus.

L’utilizzo delle mascherine è un argomento sempre molto discusso, infatti c’è chi ancora mette in dubbio la loro efficacia.

In realtà per capire che sono indispensabili per limitare i contagi, basta capire in che modo funzionano e come sono fatte:

  • Mascherine chirurgiche.
    Realizzate generalmente con due o tre strati di TNT (con microfibre del diametro di 1-3 micron), queste mascherine grazie ad un effetto barriera sono in grado di filtrare il 95% degli agenti patogeni aerosdispersi. Per quanto riguarda l’aria che arriva dall’esterno all’interno, il potere filtrante è limitato per via della scarsa aderenza, ma arriva almeno al 20%.
  • Mascherine ffp2, ffp3 e kn95.
    Le mascherine DPI invece, sono in grado di filtrare sia l’aria in entrata che in uscita allo stesso modo (kn95 e ffp2 fino al 95%, mentre ffp3 fino al 98%). Infatti aderiscono perfettamente al viso, e sono realizzate con dei tessuti dalle fibre fittissime (nelle ffp3 sono addirittura più piccole dei virus), che bloccano gli agenti patogeni anche grazie ad un’azione elettro-statica.

Le mascherine DPI come puoi notare hanno una capacità filtrante molto alta, sia grazie alla composizione che all’aderenza al viso, mentre le chirurgiche, per via della loro forma a soffietto, che lascia degli spazi aperti nelle zone laterali, per quanto riguarda la protezione personale sono meno efficaci.

Già solo esaminando le differenze tra le principali categorie di mascherine antivirus è facilmente comprensibile quanto una barriera efficace ben posizionata davanti a naso e bocca possa fare la differenza per prevenire i contagi.

Ma allora che mascherina usare per proteggersi dal coronavirus?

Nel prossimo paragrafo vogliamo approfondire l’argomento mettendo in relazione mascherine e contesti.

Leggi anche: Come mettere la mascherina chirurgica (correttamente).

Contesti di utilizzo e rischi: ecco come scegliere la mascherina giusta.

La carica virale all’interno di un ambiente potrebbe variare molto a seconda delle circostanze: ci sono contesti più pericolosi e altri meno, e in base a questi dati si potrà fare la scelta migliore riguardo alle mascherine.

Il ministero della Salute e gli altri organi competenti in materia hanno già fornito alla popolazione delle indicazioni riguardo all’utilizzo delle mascherine, indicando in particolare:

  • le chirurgiche e le mascherine di comunità come strumento più adatto per la protezione durante la quotidianità;
  • mentre i DPI nei contesti più rischiosi (come le strutture medico-ospedaliere).

Ma per rendere più chiara la faccenda è meglio fare degli esempi pratici, anche perché ci possono essere delle eccezioni:

  • Se ti devi recare a fare la spesa, o qualsiasi altra commissione tipica della quotidianità, dovrebbe essere sufficiente utilizzare una mascherina chirurgica. Infatti se tutti la indossassero, i virus e i batteri dispersi nell’ambiente diminuirebbero in grande misura.
  • Se devi entrare a contatto con persone potenzialmente contagiose, meglio scegliere una mascherina ffp2 o una kn95.
  • Se lavori in un ambiente molto frequentato e privo di finestre, meglio utilizzare un facciale filtrante delle categoria kn95 o ffp2.
  • Anche se dovessi entrare a contatto con una persona immunodepressa sarebbe più sicuro indossare un DPI, perché l’azione filtrante più potente, garantirebbe maggior sicurezza.
  • Se invece lavori in un ospedale, in una clinica o se sei un operatore del 118 allora non ci sono dubbi, le mascherine ffp3, ffp2 e kn95 sono quelle più adatte a te.

Come vedi, ci sono situazioni che richiedono maggior protezione, e altre in cui la mascherina chirurgica potrebbe bastare.

Se però durante la quotidianità ti dovessi rendere conto che tante persone attorno a te non indossano una protezione, allora sarebbe preferibile indossare una ffp2 o una kn95 (le mascherine che filtrano anche l’aria che dall’esterno va verso l’interno).

Che mascherina usare per il coronavirus in base al contesto

Mascherine certificate: le uniche in grado di proteggerti.

Ora che è più chiaro quale mascherina scegliere in base alla percentuale di rischio di contagio, è importante fare un’altra precisazione.

Le uniche mascherine davvero sicure ed efficaci, sono quelle certificate.

Ti stai chiedendo per quale motivo? La risposta è semplice.

Prima di essere messe in commercio, le mascherine a norma devono essere sottoposte a test clinici e di laboratorio.

Solo dopo aver superato questi test, le protezioni per naso e bocca possono essere considerate a tutti gli effetti:

  • Biocompatibili;
  • Efficaci (per quanto riguarda un potere di filtrazione in particolare);
  • Adeguate per consentire una corretta respirazione.

In assenza di questi test, è impossibile sapere se il prodotto che stai per indossare sia in grado di proteggerti realmente o meno. Utilizzare una mascherina non certificata equivale a entrare in una stanza contaminata senza protezione.

Quindi prima di acquistare una mascherina assicurati che sia marchiata CE e che sia certificata come prodotto a norma, secondo i decreti legislativi attualmente in vigore.

Per esempio, le mascherine FFP2 devono essere prodotte nel rispetto della normativa EN 149-2001, che assicura che le mascherine siano traspirabili e resistenti, ma anche biocompatibili ed efficaci.

Stesso discorso per le mascherine KN95: devono essere prodotte in conformità degli standard cinesi “China GB2626-2006”, corrispondenti a quelli europei citati sopra per le maschere facciali FFP2.

Leggi anche: Quali sono le mascherine migliori? Questo ciò che devi sapere.

Che mascherina usare per il coronavirus: in conclusione.

Ora sai tutto riguardo alla scelta delle mascherine, e conosci anche l’importanza di utilizzare quelle certificate e come riconoscerle.

Se per poterti proteggere realmente dal coronavirus, quella che cerchi è una protezione efficace sia nei tuoi confronti che verso gli altri, non ti resta che acquistare le mascherine FFP2 o KN95 Mask Haze.

Si tratta di mascherine certificate e sicure, che potrai acquistare nelle confezioni che preferisci, a partire da 3,10 euro al pezzo.

Oltre alle mascherine, ricorda di acquistare anche il gel disinfettante mani, indispensabile indossare la mascherina con la massima igiene, e per proteggerti anche dopo aver toccato delle superfici potenzialmente infette.

Visita oggi stesso Maskhaze.it e proteggi te e la tua famiglia con le mascherine perfette per sconfiggere il coronavirus!